//
stai leggendo...
Esteri, MASSONERIA, Politica

Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati

 

– Redazione Qui Europa 

Redazione Quieuropa, Barack Obama, Matrimoni gay in tutti gli stati, Usa, massoneria, piano massonico, sovversione sociale, Usa, Corte Suprema: nozze gay sono diritto costituzionale

Massoneria – Dittatura gender e Nuovo Disordine Mondiale

Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati

La soddisfazione di Obama e delle logge statunitensi:

un altro passo verso il Nuovo Ordine

Redazione Qui Europa

Dittatura Gender - Corte suprema - Obama

 Obama: commozione ed euforia di un massone          

Washington – Il massone Obama (vedi qui Omaggio al Fratello Massone Barack Obama in visita a Roma)  da sempre a favore dei matrimoni gay, nelle ultime ore ha salutato con estrema commozione la decisione (attesa e scontata) da parte della Corte Suprema americana dilegittimare le nozze gay in tutto il territorio Usa, inquadrando e innalzando questo “diritto” a rango di prerogativa costituzionale. Già nelle ultime settimane Obama aveva preparato l’opinione pubblica alla novità gender e a questa nuova forma di “dittatura democratica sovversiva” efortemente irrispettosa verso molti credi religiosi, il diritto naturale e la natura stessa: che da sempre considera quali legittimi solo i matrimoni tra persone di sesso differente, in funzione di prerogative procreative, fisiologiche, educative, psicologiche, biologiche e morali fuori discussione. Ma a quanto pare nel “Nuovo Ordine” qualcuno vuol convincerci democraticamente che la neve sia nera!

 Quali diritti?

Proprio Obama, infatti, nei giorni scorsi si era pronunciato in merito dei “diritti degli omosessuali”, dichiarandosi fermamente contrario alle teorie riparative nei confronti dei gay (vedi qui Cosa sono le terapie riparative per i gay bocciate dal presidente Usa Obama) prospettando in merito misure “adeguate”.  Il quotidiano Repubblica nelle ore seguenti all’accaduto sembrò concordare e giustificare Obama, adducendo come motivazione principale alla sua linea, la morte del suicida diciassettenne Leelah Alcorn: “Il presidente Usa – commentò il quotidiano – è rimasto particolarmente scosso dalla vicenda di una transgender di 17 anni, Leelah Alcorn, che a dicembre si è suicidata lasciando online un messaggio di addio in cui raccontava di essere stata sottoposta ad una cura del genere da un terapista religioso che cercava di farla tornare ad essere un ragazzo“.

Dittatura Gender - Corte suprema - Obama

 Nessuno stupore      

Non dobbiamo comunque stupirci né dell’opinione della Corte, né tantomeno dell’opinione del massone Obama in quanto, come scritto nelle memorie di un ex massone  (vedi qui www.genitoricattolici.org)  “..la regia massonica in Francia – (e no solo – N.d.r.) è tesa a promuovere il relativismo morale e l’uguaglianza di tutte le religioni (pag. 178) e le leggi a favore della libertà sessuale, delle unioni civili etero e omosessuali, la depenalizzazione delle droghe leggere, la manipolazione degli embrioni, la legalizzazione dell’eutanasia, l’utilizzo di ogni forma di contraccezione (pag. 182)” (vedi anche qui – Padre Kolbe e la Massoneria – Tattiche e strategie dell’Armata dell’Anticristo). Perciò di cosa dovremmo stupirci? Inoltre ben noto è il Piano giudaico-massonico in merito contenuto nei famigerati “Protocolli dei Savi anziani di Sion” (Bibbia del Nuovo Satanico Ordine Mondiale) come gli scritti dell’occultista Alice Bailey, profeta e sacerdotessa del Nuovo Ordine (vedi qui Lucifero e il Piano di Alice Bailey per un Nuovo Ordine Mondiale).

 Nessuna opposizione  

Ma cosa cambia in concreto per la società e l’ordinamento giuridico degli Usa. Beh, d’ora in poi tutti gli Stati del Paese dovranno permettere a due persone dello stesso sesso di sposari, senza sollevare in merito alcuna opposizione. Il presidente  Obama (reuters) – sulla scorta di una decisione presa sulla base di un giudizio espresso 5 a 4, da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti – ha stabilito che il matrimonio è un diritto garantito dalla Costituzione anche alle coppie omosessuali. Questo significa che tutti i 50 Stati del Paese dovranno permettere a due persone dello stesso sesso di sposarsi e riconoscere i matrimoni omosessuali contratti in qualsiasi parte del Paese. Il presidente Usa ha subito commentato la svolta epocale scrivendo su Twitter l’eloquente slogan “l’amore vince“. Quello di “oggi – ha postato Obama – è un grande passo nella nostra marcia verso l’uguaglianza”. Quale uguaglianza, ci chiediamo? Di sicuro è un grande passo mondialista verso la “Fratellanza” e il caos.

Mi piace

Redazione Qui Europa (Copyright © 2015 Qui Europa)

Fonte

Seguici su:

 fb yt g+ tw

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: