//
stai leggendo...
Chiesa Cattolica, Economia, MASSONERIA

Teoria G. Auriti, differenza tra “Società organica” e “Società strumentalizzante”.

“Società organica” e “Società strumentalizzante”.

Seguici su:

 fb yt g+ tw

Il pensiero e lo studio di Giacinto Auriti si divide in 3 argomenti INSCINDIBILI:

1) MONETA:
aspetto GIURIDICO e SCIENTIFICO: qualità monetaria – Indotto Giuridico > Proprietà Popolare della Moneta, Moneta di Proprietà del Portatore, denuncia alla Banca d’Italia (1993), esperimento SIMEC;
aspetto ECONOMICO: quantità monetaria – Legge della Rarità Monetaria;

2) VALORE:
aspetto ETICO e SPIRITUALE: sentimento o sete di giustizia – aspetto spirituale dell’uomo > “abbiamo prima di tutto bisogno dell’uomo in buonafede più che della qualità delle idee, perché se l’uomo è in buonafede, gli errori si correggono” (Auriti);
aspetto FILOSOFICO: pensiero umano – Teoria del Valore > Oggettivazione del Tempo, filosofia del “buon senso” basata sul Dualismo Filosofico, Società Organica (Impero Romano e Sacro Romano Impero – dottrina sociale della Chiesa o Transustanziazione, TUTTI PROPRIETARI) contro la Soggettività Strumentale (Commonwealth Britannico – dottrina Massonica o transumanizzazione, FANTASMI GIURIDICI), il Valore come pura Previsione e quindi come Rapporto fra Fasi di Tempo;

3) RELIGIONE:
aspetto MORALE e STORICO: Fede – analisi bibblica > Mamrè, Protestantesimo, Banca d’Inghilterra (1694 – inizio della Grande Usura), Illuminismo (cambio culturale e perdita dei valori etici e morali), Rivoluzione Francese, Federal Reserve, Banca Centrale Europea, Nuovo Ordine Mondiale;

aspetto TEOLOGICO: Credo Cattolico – dimostrazione della divinità di Cristo attraverso i Criteri d’Interpretazione del Vangelo.
Auriti per arrivare alla Teoria del Valore, è partito dalla Fede e dal Credo Cattolico, lui stesso infatti diceva: “se io non avessi avuto questa fede, questi discorsi sulla proprietà della moneta non li avrei nemmeno cominciati”. Solo successivamente, dalla Teoria del Valore, è arrivato alla teoria del Valore Indotto della Moneta, che è l’aspetto che più ci riguarda da vicino, perché riguardano appunto le nostre <<braghe>>, come diceva Ezra Pound; ma a monte di tutto, lo ribadisco, c’è l’aspetto religioso e della morale. Chi vuole essere veramente Auritiano, NON PUO’ NON CAPIRE QUESTO! Perchè qui la questione non è quella di “essere più Auritiani” o “meno Auritiani degli altri”, ma di ESSERLO o di NON ESSERLO Auritiani. Quando le cose sono inscindibili, o le si capiscono tutte assieme, o non ne si capisce neanche una. Vie di mezzo non ce ne sono (tanto per citare Il Professore). Dobbiamo certamente unire e non dividere come ci insegnava lui stesso, ma per unire bisogna dire la verità, perché solo con la verità saremo realmente liberi. Io per esempio avevo capito a grandi linee la moneta all’inizio, ma solo capendo l’aspetto religioso poi l’ho capita fino in fondo, ma se vogliamo seriamente formare il popolo sulla reale natura ed essenza della moneta, non si può ASSOLUTAMENTE lasciare da parte l’aspetto <<religione>>, e a livello implicito, il Credo Cattolico. Qui la lotta è mortale, come osava dire “Don Giacinto”, e la lotta è fra Bene e Male, lo è sempre stato, e sempre lo sarà. Odiare il male e amare il bene. Odiare non significa certamente ammazzare chi vuole il male, ma semplicemente difenderci da essi, e in maniera intelligente, cioè: portando argomenti.

Perchè Gesù Cristo è il Dio Vero – Riflessione del Prof. Giacinto Auriti

 

Nel mio libro sulla “Teoria generale del diritto” noi abbiamo definito che cos’è la Massoneria. Perché qua dobbiamo chiarire il significato delle parole. Noi abbiamo due concetti di società.
Abbiamo la “società organica” che è fatta di uomini vivi. Per cui dicevano i glossatori: “Societas sunt homines qui ibi sunt”, “la società siamo noi”. Nel diritto romano si dava contenuto umano al concetto di società. E allora la società era l’apologo di Menenio Agrippa: lo stomaco e le membra legate dal rapporto organico, l’organo serve la collettività delle membra, lo stomaco serve la collettività delle membra.
Quindi, qui, la società è l’insieme delle persone fisiche legate dal rapporto organico. L’interesse sociale coincide con quello dei soci. Perché la società è i soci, in questa definizione.
Invece con la “soggettività strumentale” – lo Stato Costituzionale, lo Stato socialista, la Società anonima, la Multinazionale, la Banca, sono tutti fantasmi giuridici – si parla di soggettività strumentale o persona giuridica – la soggettività strumentale presuppone chi la usa. Quindi lo strumento: io non posso dire che servo la penna, io della penna me ne servo.
Quando ho ridotto il concetto di società a strumento cambia l’etica. Perché al principio del servire proprio della società organica si è sostituito quello del servirsi proprio della soggettività giuridica. E allora nasce la massoneria.
FMI e banche fantasmi giuridici
La massoneria è nata…si è affermata, storicamente, con lo Stato costituzionale perché è lo strumento che viene utilizzato dalla società strumentalizzante. Io non posso immaginare uno strumento senza chi lo adoperi, io non posso immaginare un’automobile senza un autista, cosi non posso immaginare una soggettività strumentale senza una società strumentalizzante.
E con la società strumentalizzante cambia l’etica. Cioè vale il principio del servirsi e non più quello del servire. Ecco perché i tempi di decadenza: “Tangentopoli” non è solo l’aumento statistico del numero dei delinquenti politici ma è un segno dei tempi. I tempi di decadenza che stiamo vivendo per le false culture che sono state programmate dalle grandi strategie di dominazione.
anigif RR
E, qui, noi abbiamo fatto all’università una ricerca, unica, particolare, in cui abbiamo messo in evidenza il nesso che c’è tra le premesse filosofiche e lateoria del valore. Precisiamo questo. Due parole anche se può sembrare, a prima vista, che è un appesantimento di erudizione ma voglio dire che lo strumento è valido quando io distinguo il momento strumentale da quello edonistico del godimento: la penna, momento della strumentalità attiene all’oggetto (la penna); scrivere con la penna, godere della penna, attiene al soggetto.
Quindi, questo significa che se io non distinguo l’oggetto dal soggetto, io non posso avere un giudizio di valore normale. Quando si confonde, invece, l’oggetto col soggetto noi abbiamo la personificazione dello strumento perché confondo il momento strumentale (la penna) col momento edonistico (scrivere con la penna): allora personifico lo strumento.
Ecco la grande deformazione culturale operata dalla filosofia di Hegel. E noi abbiamo criticato Hegel perché con il principio dell’immanenza si riduce la realtà all’idea della realtà, di qui la formula idealismo, cioè la realtà con l’io pensate, cioè l’oggetto col soggetto. E, quindi, si ha la personificazione dell’oggetto. Non a caso Hegel è stato un grosso operatore nel momento in cui si è avuta la “Rivoluzione francese”.
 Tratto da
anigif FACEBOOK
Articoli correlati

L’OCCULTA STRATEGIA DELLA GUERRA SENZA CONFINI di G. Auriti

CHRISTINE LAGARDE- FMI : “PEGGIO VA, MEGLIO E’ “

La “Moneta” Dio o Mammona (Prof. Giacinto Auriti). Caldamente consigliato

L’ORIGINE E I SEGRETI DELLA MONETA. (Mamre’)

I Grandi Personaggi del 900: Giacinto Auriti – Il Segreto dei Segreti

Il paese dell’utopia G. Auriti

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: