//
stai leggendo...
Esteri, Europa, GeoPolitica, Guerre, Manipolazione, Mondo, Politica

“Sarò proprio lì grande fratello”: le telefonate intercettate che dimostrano il legame Turchia-Isis

resize

Seguici su:

 fb yt g+ tw

 

di Tyler Durden
(Fonte: Zero Hedge)
Anche da chi si ostina a mascherare la realtà della situazione internazionale in tutti i modi, la Turchia viene criticata per non fare abbastanza nella lotta contro l’ISIS.
 
In realtà, le prove che evidenziano che Ankara collabori direttamente con il gruppo terrorista che ha destabilizzato la Siria sono sempre di più. Per esempio, un funzionario molto addentrato nelle questioni di intelligence al Guardian la scorsa estate disse che i “rapporti diretti tra i funzionari turchi e l’Isis sono ora innegabili”. Allo stesso modo, un ex combattente dell’Isis ha dichiarato a Newsweek che la Turchia permetteva a camion dell’Isis di arrivare a Raqqa “attraversare il confine, attraverso la Turchia per attaccare curdi siriani nella città di Serekaniye nel nord della Siria nel mese di febbraio.” I membri dell’ISIS, ha detto la fonte, avrebbero “liberamente viaggiato attraverso la Turchia con un convoglio di camion, “e poi si fermavano” presso nascondigli lungo la strada. “
Ma dopo le elezioni dell’estate scorsa in Turchia, tutti hanno apparentemente dimenticato la complicità apparente di Ankara quando Erdogan ha concesso l’accesso degli Stati Uniti di Incirlik e l’Europa ha finanziato il parcheggio dei profughi in Turchia. Questo, combinato con la promessa di Erdogan di intensificare la guerra al “terrore”, doveva essere la “prova” dell’ impegno della Turchia.
Nonostante i numerosi rapporti che suggeriscono che la Turchia non combatta l’ISIS affatto, ma semplicemente mira ad abbattere il PKK (ribelli curdi con il quale la Turchia è in guerra da anni), i media mainstream generalmente ripetono il mantra di comodo “Ankara ha aderito alla guerra all’Isis”.
E poi, nel mese di novembre, Vladimir Putin ha spinto i rapporti tra la Turchia e ISIS di nuovo sotto i riflettori dopo la mossa di Ankara di abbattere un aereo da guerra russa vicino al confine siriano. Da allora, il mondo ha cominciato a mettere in discussione il ruolo di Ankara, specialmente alla luce delle prove che Mosca ha presentato contro Erdogan sul commercio del petrolio illecito di Stato islamico.
Questa settimana, si ottiene l’ultima prova sulle relazioni intime tra la Turchia e lo Stato Islamico. Lo ha rilevato Cumhuriyet, giornale turco, che ha pubblicato le trascrizioni delle telefonate che presumibilmente hanno avuto luogo tra militari turchi e Mustafa Demir, il comandante dell’ISIS responsabile del confine tra Siria e Turchia.
Le trascrizioni sono parte di un caso giudiziario sull’ISIS alla 3° corte criminale di Ankara. “Le questioni presunte nel caso è venuto alla luce a causa di un’indagine avviata a seguito di informazioni fornite da sei cittadini turchi con parenti uniti all’ISIL”, riferisce Zaman.
Qui di seguito, trovate le trascrizioni.
* * *
Data: 25 Novembre 2014; 08:26
A.A .: Eri tu, quello con una torcia?
Mustafa: Si con una piccola torcia, dove sei grande fratello? Nel luogo in cui ti ho detto di essere?
A.A .: Sì abbiamo anche visto i tuoi uomini …
Mustafa: E ‘possibile per voi fare in modo che parlo con il comandante qui, per quanto riguarda il business qui? Che ne dici se potessimo stabilire un contatto qui dove vi abbiamo aiutato …
A.A .: Va bene. Se ci sono esigenze per informarmi qui.
Mustafa: se sarà sufficiente per contattare l’utente [per risolvere la questione], nessun problema.
A.A .: io passo in questo momento. Ho due postazioni militari [al confine] lì. Se va di male in peggio, ti dirò che al comandante della stazione e loro danno un’occhiata …
Time: 07:12
La comunicazione fatta dal telefono registrato a nome di A.B.
A.b .: Siamo nel veicolo, siamo nel mio [campo]. Abbiamo messo su una luce. Abbiamo roba; vieni qui da quel lato, gli uomini sono qui …
Mustafa: Va bene, grande fratello, [sto] per arrivare.
A.b .: Vieni con urgenza; Sono nel mio [campo] con una torcia. Vieni.
Mustafa: Bene, grande fratello, è il luogo in cui ho dato al tenente Burak una macchina?
A.b .: Sì, solo un po ‘più giù da quel luogo. I nostri due veicoli sono sul lato turco [del confine].
Mustafa: Va bene.
A.b .: Ci sono anche nella miniera.
Mustafa: sarò proprio lì, grande fratello.
* * *
Come promemoria, Erdogan ha recentemente gettato Can Dundar, caporedattore di Cumhuriyet, e Erdem Gul, corrispondente del giornale ad Ankara, in carcere per una storia controversa su una presunta spedizione di armi dall’intelligence turca ai ribelli siriani.
Ci vengono i brividi a pensare a quale destino attenda il dipendente Cumhuriyet responsabile della fuga di queste trascrizioni. Fonte
Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: