//
stai leggendo...
Esteri, GeoPolitica, Guerre, Manipolazione, Politica, Salute

Estrema “gratitudine” espressa ad Israele dai terroristi in Siria per l’aiuto prestato loro

Netanyahu-cwith-syrian-terrorists

Seguici su:

 fb yt g+ tw

Il Canale 2 della televisione israeliana ha segnalato che le autorità israeliane hanno prestato assistenza a più di 2.100 terroristi feriti che appartengono a distinti gruppi , includendo il Fronte al Nusra (il ramo di Al Qaida en Siria).
I media israeliani hanno rivelato che lo Stato di Israele sta prestando assistenza nei suoi ospedali ai terroristi jihadisti feriti con la finalità di curarli e permettere loro di tornare a combattere contro le forze dell’esercito siriano.

Gli stessi media israeliani hanno indicato che le ambulanze, che prelevano i terroristi e feriti e trasferiscono questi negli ospedali, svolgono questo servizio con discrezione per evitare le proteste e gli attacchi (già verificatisi in passato) da parte della popolazione del Golan occupato che non vedono di buon occhio questo aiuto che Israele presta ai terorristi.

Le relazioni e la collaborazione tra il comando militare di Israele ed il Fronte Al Nusra sono diventate molto strette e durano già da anni.
Israele non si è limitata ad aprire i suoi ospedali e fornire assistenza medica e ricovero ai terroristi che operano in Siria ma ha fornito anche aiuti concreti (equipaggiamenti e munizioni) a questi gruppi ed ha provveduto anche a bombardare con le se forze aeree le posizioni dell’Esercito siriano e di Hezbollah, quando necessario per alleggerire la pressione militare sui miliziani da parte dell’esercito siriano. Questo appoggio aereo è dovuto però cessare con l’intervento delle forze aeree russe.

Il giornale “The Times of Israel” ha riferito che lo stesso Fronte Al Nusra è stato incaricato dalle autorità israeliane di controllare l’identità dei miliziani feriti prima di disporre il loro ricovero presso le strutture ospedaliere israeliane.
Kamal al Labwani, uno dei leaders della denominata “opposizione siriana” (che vive in Turchia) ha espresso la sua piena “gratitudine” verso il Governo israeliano ed ha dichiarato che i miliziani che combattono contro il regime di Al Assad non dimenticheranno mai dell’aiuto prestato loro da Israele. Da parte sua Al Labwani, che risulta il capo della formazione CNS, ha enfatizzato l’appoggio ricevuto da Israele alle forze dei miliziani che combattono contro il regime di Damasco.

Leggi art. completo: controinformazione

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: