//
stai leggendo...
Esteri, Manipolazione, Mondo, Politica, Storia

11 Settembre: Trump adotta la nuova versione ufficiale. Ed è nuovo anche lui.

11 settembre nuova versione

Seguici su:

 fb yt g+ tw

 

Dai giornali americani:  “Il genero di Donald Trump pubblica un articolo  sui cospirazionisti sull’11 Settembre: ‘Idioti deleteri, scemi e ciarlatani che teorizzano su Internet su come le Twin Towers siano stata ‘in realtà’ distrutte dagli ebrei, dagli Illuminati,o dagli extraterrestri”.  Notizia che assume il suo sapore se si viene informati che il genero di Trump (che ha sposato sua figlia Ivanka) si chiama Jared Kushner, e (da Wikipedia)  “è cresciuto in una famiglia ebraica nel  New Jersey,  s’è diplomato alla Frisch School, una jeshiva privata a Paramus, New Jersey,  e allo Harvard College nel 2003 con laurea in sociologia”.

Harvard, e sia pure lo Harvard College è un nome prestigioso di una difficile università. Notizia che assume tutto il suo sapore quando si viene informati (cito da Wiki): “secondo  il giornalista Daniel Golden, Kushner e sua fratello Joshua Kushner  vi sono stati ammessi nonostante le modeste credenziali accademiche dopo che suo padre ha fatto una donazione di 2,5 milioni di dollari all’università”. Un professore ha descritto l’ammissione di Jared “una scelta insolita per Harvard”, essendo il ragazzo “per nulla al vertice della sua classe”.  Papà Kushner, Charles, un immobiliarista di lusso (ha l’ufficio a 666 Fifth Avenue) che ha  fatto  la ricca donazione, “è stato arrestato  per evasione   fiscale e donazioni elettorali illegali”.

Questo per sfatare al mito, diffuso tra i goy, che “gli ebrei siano più intelligenti della media”. Jared è la prova incarnata che esistono ebrei stupidi, anche con laurea ad Harvard.  E conferma la sua stupidità col farsi saltare i nervi  nel mezzo  di una finissima  operazione di depistaggio  in corso nella Washington che conta:  la minaccia o decisione di render pubbliche le 28 pagine del rapporto del Congresso Usa sugli attentati dell’11 Settembre, che a suo tempo George Dubya  Bush fece segretare, e che  provano che fu l’Arabia Saudita, e specificamente la famiglia reale Saud,  ad architettare il mega-attentato e pagare la compagnia di attentatori guidata da Mohamed Atta e il suo gruppo di piloti della domenica.  Segreto di Pulcinella, perché quelle 28 pagine (sulle oltre 800 del  Rapporto della Commissione)  sono sì “classificate”, ma qualunque senatore Usa  ha potuto leggerle, se voleva. Molti le hanno lette  e già da anni  vanno sussurrando che incastrano i sauditi. L’ex senatore Bob Graham, che co-presiedeva quella Commissione, lo disse quasi subito.

Poi, per 15 anni, silenzio.

E’ stato proprio Trump, il suocero, a tirar fuori di nuovo le 28 pagine. A febbraio, durante un comizio in South Carolina, ha detto: se mi fate presidente scoprirete chi ha tirato giù davvero il World Trade Center…potete scoprire che sono stati i sauditi, OK?”. Allora parve  un colpo quasi diretto a Jeb Bush, il fratello del presidente  segretatore, che difatti s’è subito ritirato dalla corsa.

I  ‘grandi’ media, che di solito hanno irriso come buffonesche le altre uscite di Trump,  questa invece non l’hanno lasciata cadere. Anzi l’hanno ripresa e amplificata, e i politici  più in vista l’hanno avallata: il candidato Bernie Sanders (J) ha dichiarato: “Era tempo che si guardasse al coinvolgimento saudita nell’11 Settembre”…La  tesi è salita alla luce mediatica sempre pù accreditata,  fino alla consacrazione definitiva della trasmissione “60 Minutes” della CBS, il più ufficioso e  mainstream dei talk, ed anche uno dei più ebraici (tale è il conduttore, il celebre Dan Hewitt)   che ha invitato l’ex senatore Bob Graham, il quale ha confermato: sì, sono stati i sauditi.  Adesso tutti i media invocano la pubblicazione delle 28 pagine; la casa regnante saudita minaccia che se quelle pagine vengono rese pubbliche, svenderà  i 750 miliardi di Buoni del Tesoro americano che detiene;  insomma questa sta per diventare la nuova versione ufficiale: “Sono stati i  sauditi”.

Il tutto in coincidenza non casuale col fatto che i rapporti fra i Saud e Washington sono al punto più basso: i monarchi detestano  Obama per la pacificazione con l’Iran e per non aver “esportato la democrazia” in Siria rovesciando Assad, e se la sono legata al dito per la nascente industria dello shale oil, che renderebbe gli Usa meno dipendenti dal greggio del Golfo; e Washington ha motivi  di vendetta per  i conati di politica indipendente dal Protettore che il  principino ereditario, “l’impulsivo” Bin Salman, ha provato a mettere a segno di  testa sua. Obama, in visita a Ryad, ha consigliato ai Saud e agli emiri del  Golfo di introdurre ‘riforme democratiche’ nei loro possedimenti (il che è quasi una minaccia di “esportarvela”) e di ridurre il loro “settarismo”, ossia annacquare  la dose di fanatismo nel wahabismo.

Insomma: la nuova versione ufficiale è pronta per l’accettazione generale, dal Presidente ai politici ai media:  “I mandanti sono stati i sauditi”.  Ma allora perché il genero si scaglia contro gli “idioti scemi e ciarlatani” che non l’accettano? Forse perché l’operazione di revisione della versione ufficiale di prima è comunque un’operazione ad alto rischio. Risveglia cani che dormono: i segugi cacciatori della ‘verità sull’11 settembre’, che raccolte decine di prove  del coinvolgimento israeliano nell’attentato, s’erano assopiti per stanchezza.  E adesso, svegli, latrano in coro: “No, è stata la Cia col Mossad”.

L’assopimento è scusabile. Son passati 15 anni.  La versione ufficiale di prima (“E’ stato Bin Laden”) è   stata difesa dai media  in modo da almeno, scoraggiare e demoralizzare le critiche dei “complottisti”.  Chi oggi  ha, poniamo, 25 anni, allora ne aveva dieci: allora non ne capì molto, ed oggi è per lui storia antica.  Proprio per loro rievoco qui i tre o quattro fatti accertati,  che saranno seppelliti dalla nuova versione ufficiale, se si affermerà.

Larry Silverstein (J)   , immobiliarista, amico personale di Netanyahu, il 24 luglio 2001 rileva dal proprietario (la New York Port Authority) l’intero complesso del World Trade Center. E’ un contratto d’affitto per 99  anni, per il quale Silverstein s’impegna a pagare 3,2 miliardi di dollari; naturalmente a  rate. Paga la prima (essenzialmente con prestiti bancari) e intanto assicura il complesso di grattacieli con 23 compagnie di assicurazione,  per un totale di 3,55 milioni. Dopo l’attentato e il crollo delle Twin Towers, Silverstein  chiederà  agli assicuratori il doppio – 7,1 miliardi – pretendendo che i sinistri sono stati due, due essendo gli aerei che hanno colpito le Towers.  Ne nacque una battaglia legale, assai complessa, in cui 10 assicuratori  poterono dimostrare che il sinistro era stato uno; altri dieci dovettero anno sostenuto che la IM accettare la tesi dei due sinistri. Alla fin fine, Silverstein ha incassato 4,577 miliardi di dollari.  Secondo alcuni, non senza l’aiuto del giudice Alvin Hellerstein  (J), davanti al quale sono passate quasi tutte le  cause legali  concernenti l’11 Settembre. Il figlio di  Hellerstein ha fatto alyah in Israele, abita fra i coloni fanatici nei Territori Occupati, ed è l’avvocato che rappresenta la ICTS ( International Consultants on Targeted Security)  la ditta israeliana che gestisce la sorveglianza degli aeroporti,  fra cui quelli dove l’11 settembre sono passati i pretesi attentatori islamici.

ZIM Shipping:  grossa compagnia di navigazione cargo, per metà posseduta dallo Stato d’Israele, aveva    250 dipendenti, per sistemare i quali aveva preso in affitto l’intero sedicesimo piano e parte del 17mo  della Torre 1.  Il 4 settembre 2001,  la compagnia trasloca  con tutto  il personale in una nuova sede, a Norfolk Virginia; per risparmiare, aveva poi spiegato la ditta. I cospirazionisti han sostenuto che la ZIM in realtà aveva pagato  l’affitto della North Tower fino alla fine del 2001,  quindi non aveva  risparmiato nulla; torme di debunker si sono lanciati a smentire  questa circostanza, dicendo che i cospirazionisti se l’erano inventata.  Alla fine, questi hanno obbligato la New York Port Authority, in forza del Freedom of Information Act, ad  esibire il contratto d’affitto che la ZIM aveva   firmato: e così s’è scoperto   di peggio. Ossia che la ditta aveva  firmato nel 1996 un contratto decennale  d’affitto, che spirava nel  febbraio 2006.  Ossia  poteva stare lì altri quattro anni e mezzo. Invece   se ne va il 4 settembre 2001.  E la ZIM non aveva interrotto  il contratto, né aveva cercato di subaffittare quello spazio che abbandonava, quindi in teoria avrebbe dovuto continuare a pagare l’affitto fino al 2006; si stima,  sugli 8 milioni di dollari.  Per fortuna sua, la distruzione della Torre Nord l’ha liberata da quell’impegno. Una armatrice preveggente e fortunata. Continua qui

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: